martedì 26 gennaio 2016

Lu sceccu – l’asino


Dirriti: a lu sceccu                                       Direte: ma l’asino
Si vidi ch'è turduni,                                    si vede ch’è stupido,
Nun senti virga e leccu;                              non sente verga e ordini,
C'è chiù? Cu lu vastuni                              cosa c’è di più? Con le bastonate
Si torci gruppa e schina                              si torce a alza la schiena
E ad orza vi camina!                                   e vi cammina tutto storto!


Vui chistu interpetrati,                                   Voi questo interpretate,
Vera turdunaria?                                            vera stupidità?
Ma comu lu pruvati?                                       Ma come lo provate?
Pò darsi chi disia                                           Può darsi che desidera
Pri lu so sangu tardu                                      per il suo sangue tardo
Un stimulu gagghiardu.                                  uno stimolo gagliardo.

Pò darsi di una razza                                       Può darsi (sia) di una razza
Di Stoici e di Zenuni                                      di Stoici e di Zenoni
Chi soffrinu la mazza,                                    che soffrono il bastone,
Li cauci e l'ammuttuni,                                   i calci e le spinte,
Pri farisi li senzi                                              per fortificare lo spirito
Avvezzi a l'inclemenzi.                                  avvezzo alle inclemenze.


Pò darsi chi pri oprari,                                   Può darsi che per operare,
Vol'essiri infurmatu                                       vuole essere informato
Di chiddu ch'àvi a fari,                                  di quello che deve fare,
Pri farlu regolatu;                                          per farlo in piena regola;
Truvandusi a lu scuru                                     trovandosi all’oscuro
Nun opera sicuru.                                           non opera sicuro.

Lu servu, chi discurri,                                     Il servo, vuole discutere,
Quannu lu so patruni                                      quando il suo padrone
Ci dici: prestu, curri!                                      gli dice: presto, corri!
Né spiega la caggiuni,                                     Non spiega la cagione,
Né duvi lu destina                                           non dove lo destina
S'imbrogghia e nun camina.                           s’imbroglia e non cammina.

Ora, chi ni vuliti                                              Ora, che ne volete
Da un sceccu chi muntati                               da un asino che montate
Senza d'avirvi uniti                                          senza avere con lui unite
Li lingui e voluntati?                                       le lingue e le volontà?
Data sta verità,                                                Data questa verità,
È assai chiddu chi fa.                                       è tanto quello che fa.


E poi vi sia accurdatu                                    E poi vi sia accordato
tra tanti e tanti armali,                                   tra tanti e tanti animali,
Lu sceccu pr'insensatu,                                  l’asino per insensato,
Pri stupidu e minnali,                                     per stupido e balordo,
Ch'importa? Tra nui stissi                              che importa? Tra noi stessi
Quantu ci nn'è di chissi!                                quanti ce ne sono di questi!


Sarrà forsi infamata                                       Sarà forse infamata
Perciò la specii umana                                  perciò la specie umana
Pirchì in ogni nidata                                      perché in ogni nidata
Dui terzi pri zuzzana,                                    due terzi per dozzina,
Toltu lu frontispiziu,                                      tolto il frontespizio,
Sù scecchi pri giudiziu?                                sono asini per giudizio?

Agghiunciu anchi dicchiui:                          Aggiungo anche di più:
Sta stissa asinitati                                         questa stessa asinità
Chi disprizzati vui,                                       che disprezzate voi,
Li rendi cari e grati                                       li rende cari e grati
A chiù di un pirsunaggiu,                             a più di un personaggio,
Ch'è scarsu di curaggiu.                              che è scarso di coraggio.

 Dalla introduzione alle Favole Morali di Giovanni Meli

Immagini
1 assinello sulla strada da  http://brusavagando.blogspot.it/
4 dal film Tempi Moderni





In occasione del bicentenario di Giovanni Meli 1815 – 2015 - In un solo volume:
 il romanzo "L'Abate Meli" di Luigi Natoli
tutte le poesie che Luigi Natoli inserì nel trattato "Musa siciliana". 
E in Appendice  tante poesie di Giovanni Meli con testo italiano a fronte a cura di Francesco Zaffuto. 
Il volume di 730 pagine al prezzo di € 25,00 –  può essere richiesto alla casa editrice 

1 commento:

  1. Meravigliosa Francesco!

    Non c'era posto migliore dove potesse stare quell'asinello... grazie!

    RispondiElimina

grazie per il commento che andate ad inserire - la redazione si riserva di cancellare commenti di pubblicità, e quelli che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza