venerdì 29 gennaio 2016

Il carattere dell’uomo e degli animali


Nell’introduzione in versi alle Favole Morali il Meli narra di come la natura costrui il carattere dell’uomo: donando a lui i frammenti di tutti i caratteri degli animali;  cosicchè l’uomo porta in sé come attutite tutte le caratteristiche animalesche;  alcuni uomini però portano più pronunciato un carattere particolare. Certo gli uomini hanno pure la Ragione, e di questa il Meli ne parla a fondo (l’affronteremo nelle prossime puntate).

Pirchì natura vosi                                            Perché natura volle
Spartiri  tra viventi                                          dividere tra i viventi
A ogni unu la sua dosi                                    ad ognuno la sua dose
D'istinti e di talenti                                          d’istinti e di talenti
Quantu putia bastari                                        quanto poteva bastare
Sua specii a cunsirvari.                                   sua specie a conservare.

Juncennu all'omu, vitti                                    Giungendo all’uomo, vide
Chi cunsumati avia                                         che consumati aveva
L'istinti supraditti;                                           gli istinti sopradetti;
Perciò ni arrisiddia                                          perciò ne raccolse i frammenti
Di bestii ‘na gran parti,                                   delle bestie una gran parte,
E all'omini li spartì.                                          e agli uomini li divise.

Perciò spissu tra omaggi                                 Perciò spesso tra omaggi
Videmu l'omu-vulpi,                                        vediamo l’uomo-volpe
Chi ossequia li malvaggi,                                 che ossequia i malvagi,
Ch'è iniqu, e li soi culpi                                     ch’è iniquo, e le sue colpe
Li scarrica e deponi                                           le scarica e depone
Supra li genti boni.                                            sopra le genti buone.

Videmu l'omu-lupu,                                           Vediamo l’uomo-lupo
Chi pari un midagghiuni,                                   che pare un venerabile,
Seriu, devotu e cupu:                                          serio, devoto e cupo:
Ostenta la raggiuni,                                            ostenta la ragione,
'Mpastata cu lu meli,                                          impastata con il miele,
Ma ‘ntra lu cori à feli.                                         ma dentro il cuore ha fiele.

L'omu-liuni à un funnu                                       L’uomo-leone ha un fondo
Intrepidu e custanti;                                            intrepido e costante;
Precipiti lu munnu,                                             precipiti il mondo,
Sta firmu ddà davanti,                                         sta fermo là davanti
Ed a la sua ruina                                                  ed alla sua rovina
Opponi pettu e schina.                                        oppone petto e schiena.

C'è l'omu-signu intentu (6)                                 C’è l’uomo-scimmia intento (6)
A li gran modi e l'usi,                                          ai grandi modi e agli usi,
Bandera ad ogni ventu                                        bandiera ad ogni vento
Muta, riforma e scusi                                          muta, riforma e scuce
Abiti, vrachi e insigni,                                         abiti, pantaloni e insegne,
Guardannu l'autri signi.                                      guardando le altre scimmie.

‘E l'omu-talpa chiddu                                       E’ l’uomo-talpa quello
Chi campa innamuratu                                      che vive innamorato
Di cui nun cura d'iddu,                                      e non si cura d’altro,
E tantu n'è accicatu,                                           e tanto ne è accecato,
Chi chiù nun cridi all'occhi,                              che più non crede agli occhi,
M’a chiacchiari e 'mpapocchi.                          ma a chiacchiere e bugie.

Cussì c'è l'omu-cani,                                        Così c’è l’uomo-cane
Chi abbaia di tutt'uri                                         che abbaia a tutte le ore
A poviri, a viddani,                                           a poveri, a villani,
A latri, a tradituri,                                            a ladri, a traditori,
Ma dannucci lu tozzu                                       ma dandogli un boccone
Proi lu cannarozzu.                                           porge la gola.

Avemu l'omu-gattu,                                       Abbiamo l’uomo-gatto,
Chi metti a diri: meu,                                    che si mette a dire: meo,
Appena vidi un piattu;                                   appena vede un piatto
Avidu, come Ebreu,                                       avido, come ebreo
A tuttu stenni l'ugna,                                     a tutto stende l’unghia,
Pigghia, e dicchiù sgranfugna.                       piglia, e di più graffia.

Tralasciu li becchi-omini                                Tralascio i caproni-uomini
Pri tema a li Satirici;                                       per tema ai satirici;
Jeu citu li fenomini,                                         io cito i fenomeni,
A modu di l'Empirici,                                      a modo degli empirici,
E passu e mi cunfunnu                                     e passo e mi confondo
Di jiri troppu affunnu.                                     di andare troppo a fondo.





In occasione del bicentenario di Giovanni Meli 1815 – 2015 - In un solo volume:
 il romanzo "L'Abate Meli" di Luigi Natoli
tutte le poesie che Luigi Natoli inserì nel trattato "Musa siciliana". 
E in Appendice  tante poesie di Giovanni Meli con testo italiano a fronte a cura di Francesco Zaffuto. 
Il volume di 730 pagine al prezzo di € 25,00 –  può essere richiesto alla casa editrice 

al prezzo scontato di € 21,30 -  qui sotto il link per l’ordinazione http://www.ibuonicuginieditori.it/catalogo_prodotti/luigi_natoli_l_abate_meli_romanzo_storico.html

Immagine da

Nessun commento:

Posta un commento

grazie per il commento che andate ad inserire - la redazione si riserva di cancellare commenti di pubblicità, e quelli che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.