martedì 2 giugno 2015

Li capiddi

Renoir - giovane donna che intreccia i capelli

Li capiddi  

Questa Ode fu numerata come III nell’elenco delle odi dell’edizione 1814 al volume II,  edizione curata dallo stesso autore; nell’edizione del 1914 delle poesie di Meli, curata da Edoardo Alfano, venne inserita nella sezione poesie Anacreontichi e Canzonette e numerata come la 8.
 Li capiddi fu inserita da Luigi Natoli nel suo romanzo “L’Abati Meli” per diversi brani nella narrazione,  usata dal poeta come  forma galante di un antico corteggiamento.
 Le poesie di Meli  dedicate alla bellezza femminile sono tante, spesso viene usato il nome di Nice o di altre fantastiche figure della Bucolica, e spesso erano dedicate a donne che nella realtà  aveva conosciuto. Nel descrivere la bellezza femminile Meli va dal divino mitologico fino una sensualità materiale, ricorre a paradossi linguistici quasi satirici e ritorna di nuovo al divino, il tutto sempre con forza e leggerezza. Nell’ode ai capelli descrive una vera e propria guerra della luce in cui si cimentano Venere e gli amorini.
L’ode viene qui inserita con una traduzione letterale a fronte e note di Francesco Zaffuto.

Li capiddi                                                            I capelli

Chi tirribiliu!                                                    Che strepito!
Chi serra serra ! (1)                                        Che serra serra! (1)
Deh curri, o Veniri,                                         Deh corri, o Venere
Sparti sta guerra !                                          dividi questa guerra!

Quinnici milia                                                 Quindici mila
Cechi amurini,                                                ciechi amorini,
Tutti s’ingrignanu,                                         tutti si acciuffano,
Fannu ruini.                                                    Fanno rovine.

Cui punci e muzzica;                                    Chi piange e morsica;
Cui’ abbrucia ed ardi;                                   chi brucia e arde;
Cui tira ciacculi;                                            chi tira fiaccole;
Cu’ abbJia  dardi.                                          Chi scaglia dardi.

‘Ntra lu spartirisi                                          Nello spartirsi
Li cori prisi,                                                   i cuori presi,
Vìnniru a nasciri                                          vennero a nascere
Sti gran cuntisi.                                           Queste grandi contese.

A sta nutizia                                                 A questa notizia
La Dia di Gnidu                                            la dea di Cnido
Curri, precipita                                             corre, precipita
Ittannu un gridu :                                        gettando un grido:

“Ed è possibili,                                                 “Ed è possibile,
Chi  ‘un c’è momentu                                   che non c’è un momento
Di stari  ‘nzemmula                                       di stare insieme
Tanticchia  abbentu !                                    con un po’ di quiete!

Giacchi nun giuvanu                                     Giacché non giovano
Menzi e riguardi,                                           mezzi e riguardi,
Vi farrò a vidiri,                                              vi farò vedere,
Muli bastardi ! “                                              muli bastardi!”

Dissi, e, ‘un truvannuci                                Disse, e non trovandosi
Megghiu riparu,                                             miglior riparo,
L’afferra e carcera                                         li afferra e carcera
Tutti di paru; (2)                                            tutti di paro; (2)

Poi cu finissimi                                              Poi con finissimi
Fila indorati                                                    fili indorati
L’ali chi sbattinu                                            l’ali che sbattono
Teni  ‘nchiaccati.                                           Tiene attaccate.

Deh ! ferma, o Veneri,                               Deh! Ferma o Venere,
Vidi ca sbagghi,                                           vedi che sbagli,
Pirchì  voi crisciri                                         perché vuoi crescere
Li mei travagghi ?                                        i miei travagli?

Lu miu martiriu                                           Il mio martirio
Ti pari pocu,                                                 ti pare poco,
Vulisti agghiunciri                                       volesti aggiungere
Ligna a lu focu ?                                          legna al fuoco?

Chisti chi liganu                                          Questi che legano
L’aluzzi ad iddi,                                           le alette a loro,
Di Nici amabili  (3)                                     di Nice amabile (3)
Su li capiddi.                                               Sono i capelli.

Dintra li bucculi                                         Dentro i boccoli
(Ohimè, chi arduri!)                                  (ohimè che ardore !)
Comu svulazzanu                                      come svolazzano
Li nichi Amuri !                                           i piccoli Amori!

Parti s’aggiranu                                          Parti si aggirano
Privi di paci,                                                privi di pace,
Di la sua scùfia                                           attorno alla cuffia
ntra lu ‘ntilàci, (4)                                      tra la seta della sua rete, (4)

Cui di li zefiri                                               chi dai venti
Cerca ristoru,                                              cerca riparo,
Sàuta e fa smoviri                                      salta e fa muovere
Li fila d’oru.                                                  I fili d’oro.

Parti si curcanu                                           Parti si coricano
Supra lu coddu,                                           sopra il collo,
Ch’è un finu avòliu                                      che è di un fine avorio
Pulitu e moddu;                                           pulito e morbido;

E di ddà mannanu                                        e di là mandano
Sajitti e lampi.                                               Saette e lampi
Ahi ! cui po’ reggiri                                        Ahi!  Chi può reggere
Ntra tanti vampi ?                                        tra tante fiamme?

Ah ! vinni a chioviri  (5)                                Ah, venne a piovere (5)
In mia sta guerra,                                          in me questa guerra!
Stu tirribiliu!                                                  Questo  strepito!
Stu serra serra !                                             Questo serra serra!

  Note
1)      Serra serra = affollamento tumultuoso – ressa – calca.
2)      Paro, anche in italiano vuol dire paio, tutti di paro è inteso come rafforzativo di tutti, proprio tutti.
3)      Nice personaggio ricorrente nelle pastorali bucoliche, come Amarilli e altre abitanti del mondo pastorale dell’Arcadia, intese sempre come donne giovani di impareggiabile bellezza.
4)      ‘Ntilàci = seta tessuta a rete con cui si facevano le cuffie per le donne
5)      vinni a chioviri  = venne e piovere, venne a cadere, inaspettatamente e finalmente


libri su Giovanni Meli

L'ORIGINI DI LU MUNNU -  Poema ironico sull’origine del mondo di Giovanni Meli  l'Abate - In Siciliano e traduzione in Italiano a fronte - Nella originale edizione del 1814 curata dallo stesso Poeta, con le ottave postume ritrovate da Agostino Gallo, con tutte le note filosofiche dello stesso Giovanni Meli, con le note di traduzione delle più difficili parole siciliane, con le note biografiche su Meli e su come nacque questa straordinaria opera, con un disegno di Giove creatore di Dafne Zaffuto - € 12,00 pag. 150 ordinabile tramite   I BUONI CUGINI EDITORI
http://www.ibuonicuginieditori.it/catalogo_prodotti_i_buoni_cugini_editori/meli_giovanni_l_origini_di_lu_munnu_poemettu_berniscu.html


In occasione del bicentenario di Giovanni Meli 1815 – 2015 - In un solo volume:
 il romanzo "L'Abate Meli" di Luigi Natoli
"Giovanni Meli – Studio critico" di Luigi Natoli
tutte le poesie che Luigi Natoli inserì nel trattato "Musa siciliana". 
E in Appendice  tante poesie di Giovanni Meli con testo italiano a fronte a cura 
di Francesco Zaffuto. 
Il volume di 730 pagine al prezzo di € 25,00 –  può essere richiesto 
alla casa editrice 
al prezzo scontato di € 21,30 -  qui sotto il link per l’ordinazione







L’ACEDDI
il libro con le favole di Giovanni Meli sugli uccelli – 
poesie siciliane con traduzione in italiano a fronte 
di Francesco Zaffuto -  pag. 103  - € 10,00 - 
ordinabile direttamente alla casa editrice al link
                        

Nessun commento:

Posta un commento

grazie per il commento che andate ad inserire - la redazione si riserva di cancellare commenti di pubblicità, e quelli che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.